13.08.2022 – Consiglio comunale del 28/07/2022 “salvaguardia degli equilibri e variazione di assestamento del bilancio di previsione”

Per la massima trasparenza e chiarezza, si pubblica il testo completo della nota inviata  al Prefetto ed al capo gruppo di “ Naturalmente Insieme per Filettino”, relativo all’ultimo Consiglio Comunale. Si prende atto che, ancora una volta, qualcuno cerca di arrampicarsi sugli specchi con le mani insaponate. 

 

 

OGGETTO: Consiglio comunale del 28/07/2022 “salvaguardia degli equilibri e variazione di assestamento del bilancio di previsione”

In merito alle dichiarazioni rese dal gruppo consiliare “Naturalmente Insieme per Filettino” con nota del 28/07/2022 e successivamente pubblicate sulle pagine social, si ritiene utile fornire a S.E. ed agli ignari cittadini utili elementi che dimostrano la piena legittimità della convocazione del Consiglio in oggetto.

Il vigente Regolamento sul funzionamento de Consiglio comunale prevede, all’art. 39, comma 1, che “l’avviso di convocazione per le adunanze ordinarie deve essere consegnato ai consiglieri almeno cinque giorni prima della riunione”. In caso di convocazione con raccomandata – legittimato senza condizioni dall’art. 38, comma 1 – l’art. 38, comma 3, precisa che “[…] la spedizione deve avvenire entro il termine previsto per la consegna al domicilio. Con tale spedizione si considera osservato, ad ogni effetto, l’obbligo di consegna dell’avviso di convocazione e rispettati i termini fissati dalla legge e dal regolamento”.

Come da documentazione agli atti, si rileva che la spedizione è avvenuta il giorno 22/07/2022: cinque giorni liberi prima dell’assemblea e che l’avviso è stato pubblicato, in pari data, sull’Albo Pretorio dell’Ente.

Ad ogni modo – ferma restando la correttezza della convocazione – comprendendo che, in alcuni casi, l’avviso di convocazione possa essere consegnato da Poste Italiane a ridosso della data della seduta e questa presidenza, già da tempo, ha impartito agli uffici disposizioni per inviare una e-mail di cortesia – del tutto inconferente al fine del computo dei termini – a tutti i Consiglieri, contenente anche gli atti in deposito.

Si rileva, inoltre, che il vigente Regolamento per lo svolgimento delle sedute degli organi in modalità telematica prevede, all’art. 4, che “Il Presidente del Consiglio comunale convoca le sedute (in videoconferenza) del Consiglio secondo le norme dettate dal Regolamento del Consiglio […]”. A tale disposizione si farà riferimento fino a che la Segreteria di presidenza non sarà in grado di soddisfare la richiesta avanzata dal Consiglio comunale, nella seduta del 22/06/2022, di ricevere le convocazioni via PEC.

A tal proposito, si nota che nessun Consigliere, successivamente alla seduta, ha comunicato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata. Per la creazione delle caselle PEC da parte degli uffici, occorre l’indispensabile collaborazione dei singoli Consiglieri che, compatibilmente con il carico di lavoro soprattutto nella stagione estiva, saranno convocati presso gli Uffici per fornire i necessari documenti di identità e sottoscrivere i relativi contratti con il provider del servizio.

Per quanto concerne invece l’ulteriore doglianza in merito al Consiglio del 22 giugno, si precisa che il Regolamento prevede tempi di intervento e di replica rispettivamente di 10 e 5 minuti (art. 53, comma 2); tempo abbondantemente superato dal consigliere De Meis.

Si respinge nel modo più assoluto anche quanto asserito in merito alla mancanza di riguardo verso il gruppo di minoranza che è probabilmente interessato dal cosiddetto ”effetto specchio”. E’ bene ricordare che proprio nella seduta del 22 giugno gli stessi hanno abbandonato l’aula a causa di un ritardo annunciato  di soli cinque minuti di un nostro Consigliere, ripresentandosi dopo un’ora alla seconda convocazione, con mancanza di riguardo soprattutto verso il Segretario Comunale che aveva, a seguire, un successivo Consiglio presso altro Comune.

 

Mi sia permessa, chiariti gli aspetti tecnici e regolamentari, qualche ulteriore considerazione.

Nell’anno 2020, avevo già  reso edotta codesta Prefettura delle azioni ostruzionistiche del gruppo di minoranza, che andavano ben oltre il legittimo diritto di controllo dei consiglieri sull’operato dell’Amministrazione.

Anche in questa occasione, quanto diffuso sui social dal gruppo “Naturalmente insieme per Filettino” è assolutamente falso, doloso e lesivo dell’immagine di chi opera per l’interesse collettivo e dimostra anche la mancata conoscenza del regolamento comunale.

Probabilmente, il gruppo di minoranza non aveva risposte per giustificare debiti fuori bilancio derivanti dalla loro amministrazione e di cui non aveva mai fatto menzione, ingannando cittadini e sostenitori, con rendicontazioni in corso di verifica da parte della Corte dei Conti.

È ormai noto a tutti che l’attività amministrativa, tecnica e di sviluppo del territorio operata dalla nostra Amministrazione è di gran lunga superiore a quella svolta dal gruppo di opposizione durante il loro mandato e praticamente nulla. Solo per informazione, Le rappresento che in quattro anni sono state realizzate ben 18 opere strutturali e di interesse per la collettività, a fronte di un programma elettorale basato su sei punti. I libri dei sogni li lasciamo a coloro che si fanno convincere dalle promesse elettorali per poi  constatare  l’assenza di chi hanno votato, come accaduto nel recente passato. Siamo una Amministrazione del FARE e lo abbiamo dimostrato con tutte le nostre competenze e capacità professionali. Questo, purtroppo, disturba fortemente e rende nervoso il gruppo “Naturalmente Insieme per Filettino” considerando che a giugno 2023 si terrà il rinnovo del Consiglio comunale

 

Il Sindaco

Gianni Taurisano