TRA I 22 ITINERARI NAZIONALI DEL CAI IL COMUNE DI FILETTINO ED IL SUO TERRITORIO

Pubblicato il Pubblicato in Notizie

 

Il Club alpino italiano ha pubblicato il volume “L’Italia dei Sentieri Frassati”, che descrive per la prima volta nella sua interezza i 22 itinerari, presenti in tutte le regioni e province autonome italiane, dedicati al proprio Socio Pier Giorgio Frassati (1901 – 1925), giovane torinese proclamato Beato nel 1990 da San Giovanni Paolo II. Questo nuovo libro, veramente imponente per struttura grafica e numero di pagine (288), raccoglie le descrizioni, con belle immagini a colori (oltre 500 foto), dei 22 sentieri, uno per ogni regione dell’Italia, dedicati a Frassati, secondo un progetto più che ventennale che ha coinvolto le Sezioni del Cai sotto la guida del socio campano Antonello Sica, vero entusiasta promotore di questa grande iniziativa nazionale. Il Club Alpino, Sezione di Colleferro, ha presentato nei giorni scorsi al Comune di Filettino il volume ” l’Italia dei Sentieri Frassati”, considerando che grazie al dott. Nicola Caruso stimatore del territorio di Filettino, nel volume è riportata un’attenta descrizione dei luoghi di Filettino. “Quest’opera è per noi un importante biglietto da visita –ha sottolineato il Sindaco di Filettino Paolo De Meis- da lustro a Filettino,  considerando che c’è un’ampia sezione nell’ambito della Regione Lazio, dedicata a Filettino con i percorsi più belli ed affascinanti dei Monti  Simbruini e in essi le bellezze del territorio del Comune di Filettino, inoltre un ampio paragrafo del libro è dedicato al nostro attuale Parroco Don Alessandro De Santis , conoscitore non solo del territorio di Filettino, ma conoscitore della spiritualità del Beato Frassati.  L’attenzione posta al territorio di Filettino, ci dà grande vanto sia perché vengono riconosciute  a livello nazionale le bellezze ambientali, ma anche perché è un input a venire a conoscere le peculiarità di questo. Questo libro, non è una comune guida turistica, ma nei particolari curati dà il suo valore aggiunto, divenendo una fonte d‘ispirazione per conoscere tante località poco conosciute dell’Italia, come appunto Filettino, che sono meritevoli di essere percorse, con l’ausilio della precisa cartografia in esso contenuta, e le notizie di approfondimento che propongono itinerari alternativi, unendo poi le curiosità che solo attraversando il territorio passo dopo passo si possono scoprire e gustare”. Per ogni itinerario sono presenti anche informazioni pratiche come la località, la durata dell’escursione tra andata e ritorno, il dislivello, il livello di difficoltà, la data dell’inaugurazione e la mappa cartografica.